“Trasformazioni” il nuovo singolo

Dopo “Quello che ci Manca” e “Fammi il Piacere”, da venerdì 12 ottobre, sarà in rotazione radiofonica “Trasformazioni”, il nuovo singolo di Mario Venuti estratto dal suo ultimo album “L’ultimo romantico” (Musica & Suoni-Microclima/Sony Music).

«Questa canzone è nata parecchio tempo fa quando si parlava già tanto della fine del mondo predetta dai Maya. Io ci credo poco … ma dobbiamo fare quel che dobbiamo, anche se domani finisse tutto». (Mario Venuti)

“Sicuramente non è una canzone catastrofista anzi molto ironica, tanto è vero che più che alla fine del mondo guarda ad un passaggio epocale… alle “trasformazioni” possibili per questo mondo e per le nostre stesse esistenze, che da adesso in poi dovrebbero trovare un nuovo e diverso modo di vivere e amare!” (Kaballà)

Guarda il videoclip del nuovo singolo.

 

Trasformazioni   TRASFORMAZIONI

Quando la fine del tempo ci sorprenderà
Ed anche l’ultima stella si spegnerà
…rapide trasformazioni imperscrutabili
eventi più grandi di noi

Quando l’asse terrestre si sposterà
E la profezia dei Maya si avvererà
Chissà quali trasformazioni, quali cosmiche vie
Si apriranno per noi

Ma anche se il mondo finisse domani
Pianterei ugualmente il mio albero di mele
Anche se la terra sprofondasse nel mare
Nuoterei come un pesce attraverso le onde
gli oceani e gli abissi profondi
per raggiungere te!

Quando la vita pian piano ricomincerà
Ed il pianeta si ripopolerà
Verranno altre trasformazioni
una nuova energia si sprigionerà

Ma anche se il mondo cominciasse da capo
Io con te ricadrei nel peccato originale
Anche se la terra riemergesse dal mare
Ci saremo salvati, perché ho messo sull’Arca
Ogni coppia di specie animale, compresi io e te!

 

 

One thought on ““Trasformazioni” il nuovo singolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>